Libri, i miei influencerS

 

Ho letto Dubliners  di James Joyce molti anni fa, nella mia gioventù. E oggi che lo rileggo a 48 anni, dopo un viaggio nella sua splendida e motivante città irlandese, ritrovo tutte quelle epifanie che negli anni mi hanno cresciuta e cambiata.

Mi chiedo spesso come sia avvenuta la mia trasformazione, come abbia potuto lasciare la bambina cocciuta, arroccata e imbrigliata che ero per diventare la donna che sono oggi. E in quelle pagine ho trovato la risposta. Ancora una volta. Nuove e rinnovate epifanie.

Ho capito che in ogni libro letto da giovane, in ogni riga che al tempo ho sottolineato, evidenziato, c’erano le indicazioni per la strada da seguire. Una via che sentivo intimamente mia, un desiderio nascosto che ancora non riuscivo a decifrare, ma che mi spingeva fuori dal guscio. Per usare le parole di un grande poeta contemporaneo, Pierluigi Cappello, sentivo “un fremere sconosciuto che, ancora una volta,  non aveva nome e si chiamava passione”. Oggi mi soffermo su quelle sottolineature, e mi emoziono.

Mi rivedo giovane, comprensibilmente irrisolta, impaziente e spaesata con quel libro in mano. Ricordo come batteva forte il mio cuore e come il respiro si affannava nell’intravedere uno spiraglio, una risposta alle tante domande che mi angosciavano. Individuo con chiarezza il punto del non ritorno: quando il mio sguardo sull’esistenza è cambiato fino a percepire ogni cosa in modo differente.

Una quindicenne mi ha chiesto se non mi dispiace sapere che la mia vita volge inevitabilmente alla fine, vista la mia età (il segno dei tempi, ai miei le adolescenti non vedevano l’ora di avere 40 anni…). Mi ha chiesto anche: “Non ti dispiace invecchiare? E che non potrai più divertirti come da giovane?”. Le ho risposto, ma non sono certa abbia capito.

A quell’età è difficile comprendere cosa significhi guardare indietro con affetto e tenerezza verso sé stessi per il percorso compiuto.  Ho sfogliato le prime pagine di Dubliners a quindici anni. A quell’età non  chiedevo agli altri se la vecchiaia facesse loro paura, chiedevo a me stessa se ce l’avrei fatta a crescere. Beh, sono cresciuta, ma sono solo a metà del mio percorso. Per questo, in mano, tengo sempre un libro. Il mio personal influencer.

 

Informazioni su Paola Buizza (LaBui)

Giornalista con un futuro sempre in discussione e un passato costruito sull'istinto. Una vita geograficamente collocata oltre gli schemi e gli stereotipi. Una donna che cade, soffre, si rialza e cammina. A volte, vola. Questo blog, comunque, non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
Questa voce è stata pubblicata in Letture e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.