La filosofia di Andy Warhol (1975)

Come Andy si mette il Warhol.

Non si ci può mettere a discutere con l’album dei ricordi

Lettura interessante fatta tanti anni fa e che, a cicli, ritorna. E’ la necessità di sfogliare le pagine per rinnovare  l’incontro con un uomo ingenuo, cinico, ironico, autoironico. Un autoritratto senza esclusione di colpi nel quale rivela il suo essere Uomo e il suo essere Personaggio. Andy Warhol e l’uso consapevole di una “maschera” da mettere e togliere all’occorrenza. Il filosofo disincantato di una società oggi più attuale che mai.La filosofia di Andy Warhol

“Mi piace essere la cosa giusta nel posto sbagliato e la cosa sbagliata nel posto giusto. Ma se per caso ti trovi in una di queste due situazioni, allora non esisti più per la gente, o ti tirano sputi, o scrivono delle recensioni cattive, o ti danno le bastonate, o ti saltano addosso, o dicono che sei “un arrampicatore”. Ma di solito ne vale la pena di essere la cosa giusta nel posto sbagliato o la cosa sbagliata nello spazio giusto, perché succede sempre qualcosa di divertente. Credetemi perché io ho tirato fuori una professione dall’essere la persona giusta nel posto sbagliato e la persona sbagliata nel posto giusto. E’ una cosa di cui conosco veramente tutto”.

“Oggigiorno sei considerato anche se sei un imbroglione. Puoi scrivere libri, andare alla TV, concedere interviste: sei una grande celebrità e nessuno ti disprezza anche se sei un imbroglione. Sei sempre una star. Questo avviene perché la gente ha bisogno delle star più che di ogni altra cosa”.

“Alcuni critici hanno detto che sono il Nulla in Persona e questo non ha aiutato per niente il mio senso dell’esistenza. Poi mi sono reso conto che la stessa esistenza non è nulla e mi sono sentito meglio. Ma sono ancora ossessionato dall’idea di guardarmi allo specchio e non vedere nessuno, niente”.

Informazioni su Paola Buizza (LaBui)

Giornalista con un futuro sempre in discussione e un passato costruito sull'istinto. Una vita geograficamente collocata oltre gli schemi e gli stereotipi. Una donna che cade, soffre, si rialza e cammina. A volte, vola. Questo blog, comunque, non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Letture, Pensieri in libertà e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.