“Storia di Malala” – 180 pagine dopo

Una quotidianità fatta di resistenza, di lotta e di speranza.  “Storia di Malala” racconta questo con una fluidità di lettura che sconcerta considerando il clima di guerra e di terrorismo in cui si svolge. Dove ha trovato, questa giovane donna, la forza di opporsi ai talebani e al loro divieto di istruzione per le donne? Dove ha riposto la paura? Ce lo spiega Viviana Mazza, corrispondente agli Esteri per il Corriere della Sera, partendo dal giorno in cui i talebani hanno colpito Malala con  un colpo di pistola alla testa mentre era sul pullman che la riportava a casa da scuola. Era il  9 ottobre del  2012.

Una storia fluida, dicevo, nella sua drammaticità. Viviana Mazza ha saputo destreggiarsi tra cronaca e finzione  restituendo al lettore un quadro fedele ai tragici fatti avvenuti.

Malala Yousafzai con il padre

Tra i protagonisti mi ha particolarmente coinvolta il padre di Malala. Un uomo che, tra tanti uomini, ha fatto la differenza. Interessanti gli editti dei talebani, il pensiero della popolazione, impotente nel suo desiderio di ribellione paralizzato dalla paura. Un cumulo di “macerie umane e morali” dal quale si distaccano fortemente Malala e il padre; una storia di  coraggio che sprigiona brividi. E poi quella “età di mezzo” in cui le donne, in quei Paesi, possono trovare la forza di ribellarsi: prima di diventare “donne” e dopo (appena dopo, mi verrebbe da dire) l’infanzia. Malala  ha respirato il coraggio tra le mura di casa, lo ha letto negli occhi del padre e nella sua voce ha trovato la forza per lottare.

Un impegno e un attivismo  che continuano, come dimostra l’appello  che  Malala Yousafzai ha fatto alle Nazioni Unite per un’istruzione libera e gratuita nel giorno del suo 16mo compleanno. Ecco il link: http://www.youtube.com/watch?v=gksAyQPPD5E

Informazioni su Paola Buizza (LaBui)

Giornalista con un futuro sempre in discussione e un passato costruito sull'istinto. Una vita geograficamente collocata oltre gli schemi e gli stereotipi. Una donna che cade, soffre, si rialza e cammina. A volte, vola. Questo blog, comunque, non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
Questa voce è stata pubblicata in Letture e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.