Poetici muri liguri

Domenico Camera

Domenico Camera

 

L’ubriacante corsa dei tram
ci portava a riva,
come una merce senza riguardo.

Su una spiaggia tra i sassi
dove fermare l’ansia da girovaghi.
Eravamo subito spogli
perché il mare ha poche parole
e vuole la nudità.

La pazienza del suo ritmo
ci stancava l’intero pomeriggio.
Le bocche d’acqua rampanti
finivano sempre
schiumando, lunghe e riverse.

Il respiro continuo dell’onda
mi insegnò ad essere caparbio.
Ho imparato anche l’attesa.

Informazioni su Paola Buizza (LaBui)

Giornalista con un futuro sempre in discussione e un passato costruito sull'istinto. Una vita geograficamente collocata oltre gli schemi e gli stereotipi. Una donna che cade, soffre, si rialza e cammina. A volte, vola. Questo blog, comunque, non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001
Questa voce è stata pubblicata in Fotografie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.